Ordina per:

Il mioma uterino

il miomaPer mioma uterino si intende una lesione proliferativa a carattere benigno ( è un tumore benigno che non diventa mai maligno) di forma tendenzialmente rotondeggiante di dimensioni varie ( da pochi millimetri a vari centimetri di diametro), localizzati all’interno dell’utero. Il mioma, detto anche “leiomioma”, è una massa di natura fibrosa, a consistenza duro elastica, ben circoscritto nei suoi confini. Esso può essere singolo o multiplo e sono ormone- dipendente, cioè l’ormone che fa aumentare nel tempo le sue dimensioni è l’estrogeno. A contrapposizione dell’effetto dannoso determinato dall’estrogeno interviene il progesterone, l’ormone buono, che ha l’effetto di annullarne i danni.

Tumore alla mammella

Tumore alla mammellaIl tumore della mammella è fra le neoplasie maligni più frequenti nella donna. I picchi di incidenza interessano le donne di età intorno ai 45 anni e donne in età fra i 60- 65 anni. Categorie a rischio Le categorie a rischio sono: a) Familiarità (soprattutto se colpita la madre, sorella, zia, nonna) b) Mastopatia fibrocistica di grado elevato c) Parti avuto dopo i 35 anni d) Situazione Ormonale con iperestrogenismo cronico, sterilità per mancata ovulazione.

La Prevenzione Ginecologica

prevenzione_180La prevenzione in campo ginecologico può riguardare vari organi dell’apparato genitale femminile: cervice (collo dell’utero), utero, ovaie, mammella.
La prevenzione nel campo della sfera genitale riguarda essenzialmente la diagnosi precoce di malattie infauste quali, appunto, i tumori.
I tumori più frequenti dell’apparato genitale femminile interessano:

Menopausa

menopausaLa Menopausa
Per menopausa si intende l’interruzione dell’attività mestruale ciclica. Per definizione si parla di menopausa quando trascorre almeno un anno dall’ultima mestruazione senza la comparsa di ciclo mestruale. I fattori che determinano la menopausa sono dovuti essenzialmente alla fine delle attività dell’ovaie. Il ciclo mestruale è regolato dalla funzione delle ovaie. Nel momento in cui le ovaie terminano la loro attività inizia la menopausa.

La gravidanza

gravidanza_180La gravidanza è la condizione della donna fecondata in cui si sviluppa il prodotto del concepimento
Con questa definizione si indica il procedimento, grazie al quale, la specie umana si riproduce, procreando nuovi esseri viventi. La gravidanza, quindi, rappresenta il momento più importante della vita perché, con essa, la donna, svolge un ruolo fondamentale nella vita dell’essere umano: il perpetuarsi della specie..
Il controllo della gravidanza, per il motivo suddetto, diventa quindi una cosa importantissima.

Monitoraggio della Gravidanza

Per monitoraggio della gravidanza si intende il controllo periodico delle condizioni fisiche e biologiche dello stato gravidico, riguardanti sia la donna in gravidanza che il prodotto del concepimento (cioè il futuro nascituro).

Monitoraggio della gestante e del prodotto del concepimento (futuro neonamto)

Il monitoraggio della gestante consiste nel controllo periodico delle sue condizioni di benessere fisico, psichico e funzionale. Tale monitoraggio si effettua, fondamentalmente, verificando i parametri di funzionalità dei vari organi: fegato, cuore, reni e metabolismo.

La sterilitą di coppia

sterilit_180La sterilità  è il risultato di un ostacolo alla fecondazione. Ne consegue l’assoluta mancanza della capacità riproduttiva sia nella donna che nell’uomo. La sterilità è abitualmente distinta dall’infertilità che è invece la conseguenza di un difetto dell’annidamento o dello sviluppo dell’embrione, per cui la donna è incapace di proseguire la gravidanza fino ad un’epoca di vitalità del feto. Nella specie umana la fecondità media non è molto elevata: infatti solo il 20% delle coppie che ha rapporti regolari non protettivi 2/ 3 volte alla settimana ottiene una gravidanza nel corso del primo mese, mentre occorre circa un anno perché la gravidanza si verifichi nell’80% dei casi. Si parla di sterilità solo nel caso in cui una coppia si dimostra incapace di concepire dopo dodici mesi di rapporti non protetti avvenuti in fase ovulatoria. Questo intervallo deve essere ridotto a sei mesi nelle coppie più anziane (dopo i 32 anni).

Chi sono

Il dott Filippo Massimo Villani è nato a Brindisi il 22/06/1963 ed è residente a Boscoreale (Na). Si è laureato
in Medicina e Chirurgia il 18/10/1988 presso la II Facoltà di Medicina e Chirurgia di Napoli. È specializzato in
Ostetricia e Ginecologia (Indirizzo Sterilità di coppia).
Presso lo studio del dott Villani si effettuano le seguenti prestazioni diagnostiche:
visita ostetrica, ginecologica (addominale e transvaginale) ed ecomammaria
pap test e thin prep
tamponi vaginali
P. C. T. (Post Coital Test)
M.T.T. (Test di motilità tubarica)
Isteroscopia diagnostica
In riferimento alla Riproduzione Assistita riportiamo alcune tecniche effettuate dal dott. Villani in
collaborazione con il suo team.
I.U.I
È la più semplice delle tecniche di Riproduzione Assistita e consiste nell’introduzione in cavità uterina,
attraverso un sottilissimo catetere, degli spermatozoi del partner, preventivamente trattati qualche ora
prima della presunta ovulazione indotta farmacologicamente. La fertilizzazione degli ovociti avviene quindi
all’interno dell’apparato genitale femminile. La tecnica è ambulatoriale, semplice e non dolorosa.
F.I.V.E.T.
La F.I.V.E.T. (Fecondazione in Vitro ed Embryo Transfert) è una tecnica di Procreazione Medicalmente
Assistita. Consiste nell’ottenere la fecondazione dell’ovocita fuori dal corpo della donna con conseguente
formazione dell’embrione e successivo trasferimento in utero dello stesso.
I.C.S.I.
L’ I.C.S.I. (Inseminazione Intracitoplasmatica dello spermatozoo) consiste nell’iniettare lo spermatozoo
direttamente all’interno dell’ovocita. Anche questa tecnica si effettua fecondando l’ovocita al di fuori del
corpo della donna.
I.M.S.I.
Gi spermatozoi possono avere disturbi della maturazione che interferiscono sullo sviluppo embrionale.
Queste alterazioni possono portare a frammentazioni del DNA . Le possibilità di poterle diagnosticare
finora era attraverso tecniche invasive per cui gli spermatozoi analizzati non potevano essere utilizzati per
la fecondazione. Oggi disponiamo di tecniche non invasive che permettono di analizzare gli spermatozoi
che possono essere poi impiegati per la fecondazione. IMSI (Iniezione intracitoplasmica di spermatozoi
morfologicamente selezionati) permette la scelta degli spermatozoi utilizzando un microscopio ad alto
ingrandimento, senza colorazione e in tempo reale.
Il dott Filippo Massimo Villani è nato a Brindisi il 22/06/1963 ed è residente a Boscoreale (Na). Si è laureatoin Medicina e Chirurgia il 18/10/1988 presso la II Facoltà di Medicina e Chirurgia di Napoli. È specializzato inOstetricia e Ginecologia (Indirizzo Sterilità di coppia).

Presso lo studio del dott Villani si effettuano le seguenti prestazioni diagnostiche:

  • visita ostetrica, ginecologica (addominale e transvaginale) ed ecomammaria
  • pap test e thin prep
  • tamponi vaginali
  • P. C. T. (Post Coital Test)
  • M.T.T. (Test di motilità tubarica)
  • Isteroscopia diagnostica

In riferimento alla Riproduzione Assistita riportiamo alcune tecniche effettuate dal dott. Villani incollaborazione con il suo team.


Raccomanda questo sito su Google
Ultimi commenti